LA NOSTRA STORIA

L’avventura di Verso il Sereno comincia nel 1986, per iniziativa di alcune pazienti allora in cura presso il Centro Oncologico dell’Ospedale Maggiore di Parma.

Nasce come Associazione senza scopo di lucro dalla volontà di aiutare gli ammalati e i loro famigliari ad affrontare la malattia in modo positivo e sereno. Nasce dal desiderio di offrire loro – nel momento del disorientamento, della paura, del dolore – un supporto concreto di servizio, e la vicinanza di persone che sanno cosa significa affrontare l’impatto di una diagnosi di cancro e il carico fisico ed emotivo della terapia.

Il progetto raccoglie da subito l’entusiasmo e la collaborazione di alcuni medici e infermiere in servizio presso l’Unità di Oncologia e di alcuni professionisti che possono mettere a disposizione le loro competenze per la riabilitazione dei pazienti oncologici dopo l’intervento al seno.

Dalle prime riunioni di pochi volontari presso la Chiesa del Sacro Cuore, siamo arrivati alla Sede all’interno dell’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Ospedale Maggiore. Siamo arrivati, soprattutto, a contare oggi un numero consistente di Volontari effettivi e uno ancora più sostanzioso di Soci Sostenitori e di Amici di Verso il Sereno.

Ancora oggi non dimentichiamo quei primi giorni, la tenacia e la visione delle fondatrici di Verso il Sereno: Romana Corradini, Elsa Fenini, Giovanna Galli Gambara e tutti gli altri che le sostennero allora.

E troviamo nuova linfa e nuovo entusiasmo al nostro impegno nei riscontri positivi, nei risultati operativi, nell’apprezzamento che ogni giorno leggiamo negli occhi e nelle parole di pazienti e familiari.

Non possiamo che proseguire questo cammino.

Perché dal rapporto complesso tra medico, ammalato, familiari e volontari si consolidi sempre più un’alleanza che ha come scopo una migliore esperienza della malattia oncologica e, con essa, una nuova cultura dell’assistenza al malato.